Lettera del Vescovo per il Sinodo

Stefano Callegaro

Nelle Sante Messe di sabato 27 e domenica 28 febbraio, in tutta la diocesi è stata letta la lettera del Vescovo di Padova Claudio Cipolla, e rivolta a tutte le persone di tutte le comunità della Chiesa di Padova. Di seguito il testo integrale della lettara:

A tutti i cristiani e cristiane della Chiesa di Padova, in particolare, ai presbiteri e diaconi,

ai Consigli Pastorali Parrocchiali,

ai religiosi e religiose,

ai responsabili di movimenti, associazioni e gruppi ecclesiali

 

«Nessuno da solo può riuscire a far attraversare alla Chiesa questo tempo difficile. Il nostro non è un tempo di fondatori ma di riformatori. Non abbiamo bisogno di geni solitari, ma di chiese che si mettano in movimento» (Stella Morra).

Innanzitutto un saluto caro e riconoscente a tutti e a tutte le nostre comunità, accompagnato da un ricordo affettuoso per gli ammalati, i sofferenti e per chi si trova nella precarietà. Siamo nel tempo della fragilità che ci invita a rinsaldare strade di fraternità, consapevoli che l’unica salvezza possibile è quella che riguarda tutti. Colgo l’opportunità dell’inizio della Quaresima, tempo di “esodo” e di “conversione”, per comunicarvi la decisione di indire un Sinodo diocesano. Come sapete, dopo un lungo cammino di discernimento comunitario, nell’ottobre scorso ho recepito favorevolmente il consiglio autorevole dei due Organismi di comunione diocesani – Consiglio Pastorale Diocesano e Consiglio Presbiterale –, arrivando a proporre il Sinodo diocesano per un volto rinnovato di Chiesa in questo tempo inedito. Successivamente ho nominato una Segreteria incaricata di seguire i vari passi del Sinodo.

Perché un Sinodo?

Molto probabilmente questa è la domanda che ci stiamo facendo tutti, immaginando anche il carico di impegno e responsabilità che ne consegue. Il nostro contesto sociale e culturale, indubbiamente, ci mette davanti molti “perché”: la nostra realtà non è più statica e lineare, non procede più in modo prevedibile, schematico e strutturabile. Alcune domande profonde ci abitano e scuotono: Perché credere? Perché evangelizzare? Perché la parrocchia oggi?

Potremmo trovare delle risposte “organizzative”, ma questo non cambierebbe lo stile del nostro stare dentro il mondo, comunicando il Vangelo della gioia. Ci accorgiamo, pertanto, che abbiamo bisogno di apprendere insieme e di maturare insieme una intensa vita spirituale che ci permetta di cambiare e di rinnovare quello che stiamo facendo. Si tratta non di fare cose nuove, ma di rendere nuove tutte le cose.

Il fatto di camminare insieme e di apprenderne le modalità, vera e propria situazione di “esodo”, ci riporta al Sinodo interpretandolo nella logica di un processo dinamico in se stesso, una sorta di “conversione” in cui ciò che conta non sarà solo “cosa” raggiungeremo, ma “come” ci arriveremo, facendo prima di tutto una buona esperienza di Chiesa e di comunione fraterna. In tal senso, i termini Chiesa e Sinodo diventano sinonimi, in quanto espressione di una stessa realtà rimessa continuamente in viaggio dal Signore Gesù.

 

La nostra Chiesa di Padova

Nella Chiesa di Padova siamo senz’altro forti di una sinodalità ordinaria, costruita e maturata in decenni, che ci sta aiutando ad assumere il metodo del discernimento. In questo tempo, ci facciamo forza anche delle intuizioni del recente Sinodo dei giovani e possiamo confidare nell’ascolto della Visita pastorale che accanto a questioni aperte fa scoprire tanta ricchezza e frutti evangelici nelle nostre terre. La stagione che viviamo, da ultimo, ci riporta al tempo complesso della pandemia da interpretare come kairós, vera “occasione” di ripensamento. Di conseguenza, mi sembra che, senza troppe paure e resistenze, possiamo guardare al Sinodo per incoraggiare e rimotivare tanti passi preziosi della nostra Chiesa, rilanciandoci in avanti e coltivando la visione di quale Chiesa diocesana desideriamo custodire nel prossimo futuro.

Quale Sinodo vorremmo?

Tutti desideriamo un’esperienza di Chiesa da vivere nella gioia e nella consapevolezza che il Signore la ama e la guida. Per il Sinodo vorremmo un percorso leggero, comprensibile e stimolante, evitando la ripetitività e la pesantezza. Se la questione è la visione di Chiesa, come sogno condiviso, allora non ci interesserà discutere ogni singolo tema, quanto, invece, attivare buoni processi di crescita e maturazione, a partire da alcuni criteri e da alcune aree prioritarie di evangelizzazione. Per il Sinodo immaginiamo una partenza da quanto ci appassiona e può diventare generativo, piuttosto che da quanto ci manca e ci sembra deficitario.

 

Alcuni abbozzi di obiettivi

A partire da una verifica degli elementi essenziali del Concilio Vaticano II e della loro attuazione; alla luce di Evangelii Gaudium e di una necessaria risposta alla realtà odierna, segnata da un “cambiamento d’epoca” nel quale ci troviamo ad annunciare il Vangelo, avvertiamo la domanda di orientamenti su alcuni temi, quali: il senso e il volto futuro della parrocchia; l’annuncio cristiano ed una verifica dell’Iniziazione cristiana; la forma concreta “sussidiaria” della Chiesa diocesana (parrocchia, gruppi di parrocchie, Unità pastorali, vicariati); il ministero dei preti, dei diaconi e la corresponsabilità dei laici. C’è davvero l’urgenza di mettere al primo posto l’essenziale del nostro essere credenti, accettando anche dei “tagli” che ci permettano di essere ancora una Chiesa missionaria, non appesantita dalla gestione dell’esistente, comprese le strutture che ci appartengono. La Pasqua, a cui siamo diretti, ci ricorda che per risorgere bisogna saper morire. Non vi è la pretesa di risolvere tutto, ma la consapevolezza di «attivare processi» durante e dopo il Sinodo. Per certi aspetti il “dopo” Sinodo ci chiederà ancora più impegno e dedizione.

Gli atteggiamenti da coltivare

Vorrei suggerire a tutti i battezzati e credenti della nostra Chiesa di Padova di accogliere il Sinodo come un atto di fede nell’azione dello Spirito Santo che sempre ci accompagna e precede. Vi chiedo di sviluppare, attraverso il Sinodo, quasi un “supplemento” di amore alla nostra Chiesa, desiderando camminare insieme e insieme esplorare strade non ancora battute. Infine, vi invito a guardarlo come un gesto di cura e di responsabilità verso quanto potremo essere, ma anche verso le nuove generazioni, che domandano profondità ed autenticità.

I collegamenti, le persone che sanno tenere insieme

Comprendo che ci possano essere tante domande e timori nei riguardi della proposta del Sinodo: spesso percepisco anche la stanchezza e la fatica rispetto alla quotidianità dell’azione pastorale. Per arrivare a tutti e perché ciascuno possa offrire il suo contributo di pensiero e parola, il Sinodo avrà bisogno di alcuni in grado di collegare e coinvolgere altri. Penso in particolare ai Consigli Pastorali e di Gestione Economica, ai referenti dei vari ambiti pastorali, ai presbiteri, ai diaconi, ai religiosi e alle religiose. A voi, affido volentieri il compito insostituibile di collegamento, di “cucitura” e di legame tra le varie persone e realtà ecclesiali.

Il santo viaggio

Viviamo pertanto gli anni del Sinodo come un «santo viaggio» (cf. Salmo 83,6): nel fruscio leggero dei passi condivisi sentiremo la presenza del Signore che si prende cura di noi, ispirandoci un discepolato gioioso, generativo di vita buona.

Auguro a tutti una buona Quaresima: questo tempo attivi idealmente i nostri primi passi di conversione e di rinascita!

Padova, 26 febbraio 2021

+  Claudio, Vescovo

Scritto da Stefano Callegaro
Guarda le foto legate alla notizia
Notizie principali:

Festa di sant’Antonio: l’omelia del vescovo Claudio

Di seguito l'omelia del Vescovo Claudio in occasione della festa di Sant'Antnio

Fragilità e carità sono due parole che hanno caratterizzato maggiormente il cammino pastorale della nostra Chiesa diocesana durante questo ultimo anno contrassegnato dal Covid 19. Questo tempo di Pandemia ci ha portati ad incarnare la carità di cui ci parla il Vangelo nell’esperienza della debolezza.   

Domandando oggi l’intercessione di Sant’Antonio, vogliamo testimoniare la carità di Dio nel tempo della nostra personale e collettiva fragilità. Volentieri la condividiamo anche con i tanti pellegrini e con quanti ci seguono grazie ai mezzi di comunicazione.

Quest’anno le fragilità creaturali e umane sono state esperienza comune, di tutta l’umanità. Il Covid ha condizionato e limitato la nostra libertà, la nostra economia, la nostra organizzazione sociale. Ha messo in crisi famiglie e posti di lavoro, ha spezzato affetti e interrotto collaborazioni, sta acuendo diseguaglianze sociali, e ha mietuto vittime ovunque: oltre 100 mila morti in più qui Italia, mentre in Europa sono 1.163.000 e nel mondo le vittime finora accertate sono 3.800.000.

È accaduto in Italia come anche in Brasile (dove ci sono 5 nostri presbiteri e molti altri missionari padovani) e negli altri paesi dell’America del Sud; in India, dove sono ora due religiosi che prestano servizio presso la Chiesa dei Servi, e in tutto il continente asiatico; in Etiopia e in Kenya, dove abbiamo nostre fraterne presenze con 5 fidei donum diocesani, e in tutta l’Africa. Sono legami di fraternità consolidati e non potevamo, e non possiamo, non sentirci uniti nel momento della difficoltà. Da questi legami il nostro sguardo si apre a tutto il mondo, senza limiti di fede, di etnia, di storia: ovunque e tutti nel mondo siamo stati colpiti. Siamo stati uniti in una sola umanità. Il nostro è un mondo fragile.

Si sono aperti i nostri occhi e abbiamo potuto riflettere sull’ambiente, sulla casa comune (La “Laudato sii” ha anticipato alcune importanti sensibilità); Papa Francesco inoltre ha spronato il mondo intero alla fraternità universale con l’enciclica “Fratelli Tutti” parlando di imprescindibili relazioni di fraternità tra persone, tra famiglie, tra Paesi; fraternità tra credenti di tutte le religioni per il bene dell’uomo, di ogni uomo e donna, e del Creato. Su queste piste è bella la vicinanza di molti giovani.

Anche nelle parrocchie, spazi privilegiati di prossimità indifferenziata e gratuita, si è parlato questo linguaggio. Esse sono state il segno concreto, visibile della vicinanza del Signore Gesù e della consolazione del Vangelo offerta a tutti. Noi cristiani siamo stati invitati ad essere immagini del suo sostegno rivolgendo la nostra attenzione alle fragilità della porta accanto, educandoci ad uno stile di “buon vicinato”. Chiunque partecipa dell’Eucaristia domenicale è un missionario, mandato dal Signore e dalla Chiesa ad ascoltare le sofferenze, le angosce, le preoccupazioni e i drammi che attraversano la vita.

Anche noi – anch’io – infatti abbiamo avuto preoccupazioni e paura, soprattutto per le persone a cui vogliamo bene, e ci siamo impegnati ad adottare tutte le precauzioni suggerite dal buon senso e dalle leggi per non essere causa di contagio. Da questa esperienza però abbiamo maturato sensibilità e sintonia per le lacrime e le ferite di ogni persona.

Anziani, ammalati, disoccupati, migranti, giovani, adolescenti hanno rappresentato la fragilità di tutta la comunità umana.

Con la preghiera di tutte le comunità cristiane da voi rappresentate, chiediamo ora che su questa povertà, su queste piaghe, sui cuori spezzati, sulle schiavitù, sulle prigionie scenda – per l’intercessione di sant’Antonio – la misericordia del Signore e si manifesti la potenza della sua carità.

Proprio in forza della nostra fragilità, ci rivolgiamo al Signore Gesù perché lui intervenga e agisca: la sua carità è più grande di ogni nostra sofferenza e paura.

È nella fragilità che il nostro cuore, nel suo profondo, si apre alla verità, rappacificandoci con la nostra dimensione creaturale e ponendoci nei confronti del Creatore con umile atteggiamento di fiducia e di preghiera. Come creature lodiamo il Creatore dal quale ancora una volta accettiamo di avere in consegna la terra e le sue creature, perché con il dono e la responsabilità dell’intelligenza e della libertà siano custodite. E così possiamo cantare con san Francesco e sant’Antonio: “Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature”. A questa relazione ci affidiamo contenti, e non umiliati, di fare appello a chi è più grande di noi.

Anche il nostro pellegrinaggio, le preghiere che oggi innalziamo, le speranze che alimentiamo sono passi, voce e sentimenti di tutta una Chiesa che, a nome dei suoi fratelli e delle sue sorelle in umanità, invoca la potenza del Signore ed invita a guardare a lui, a guardare in alto perché al Signore appartengono i cieli e la terra, perché sua è la potenza e la gloria nei secoli. 

La nostra presenza è quindi testimonianza di fede, annuncio della potenza del Signore Gesù, il Risorto, anche sul male, su ogni male: questa fede è la beatitudine dei poveri e la consolazione di quanti disperano.

Gesù con la potenza stessa di Dio, con il dito di Dio dice una preghiera, passa e guarisce tutti: storpi, ciechi, lebbrosi, paralitici, indemoniati… perfino i morti vengono risuscitati da Gesù, come ha fatto ad esempio per Lazzaro o per il figlio della vedova di Naim.

Una grande potenza usciva da lui e tutti restavano meravigliati. È la potenza dell’amore, è il potere della carità di Dio. Con questa forza divina, spirituale, quella dell’amore di Gesù, affrontiamo la Pandemia e affrontiamo le sue devastanti conseguenze sociali, evangelizziamo la storia e la creazione con le loro fragilità.

In nome della potenza e della vittoria di Gesù, noi cristiani, ci presenteremo volontariamente e gratuitamente per ricostruire le distruzioni sociali e spirituali del Covid 19. Saremo in prima fila, come Gesù, per proseguire la sua opera di carità, per dare speranza, per attivare coraggio. E anche per liberare da visioni miopi che guardano soltanto al proprio interesse privato, familiare, sociale, politico; per superare il fascino dell’egoismo orientato al proprio divertimento e alla propria prosperità; per guarire dalla tentazione di sfruttare la terra e l’ambiente o di trascurare e dimenticare i poveri. Non c’è guarigione se la potenza dell’amore del Signore non ci raggiunge e se la sua carità non diventa anima del nostro operare. 

I 72 discepoli che Gesù manda sono invitati a proseguire la sua opera. Così ha fatto Sant’Antonio, così hanno fatto tanti cristiani nei secoli, così siamo chiamati a fare noi: diffondere con l’aiuto di Gesù il potere della carità nel tempo della fragilità degli uomini. Tra tutti, abbiamo la gioia di incontrare oggi, a pregare con noi, il cardinale Ernest Simoni, testimone della forza e della potenza di Gesù.

Albanese, nato nel 1928, fu considerato un “nemico del popolo” ai tempi della dittatura comunista. Arrestato nella notte di Natale del 1963, mentre celebrava la messa; condannato a morte, la sua pena è stata commutata in lavori forzati nelle gallerie buie delle miniere di Spac e poi nelle fogne di Scutari. Anche in questa drammatica situazione non ha perso la fede e non ha mai interrotto il suo ministero sacerdotale. È stato liberato il 5 settembre 1990. Appena fuori dal carcere, ha confermato il perdono ai suoi aguzzini, invocando per loro la misericordia del Padre. È un testimone vivente della potenza della carità del Signore. 

Il Signore custodisca anche noi nella sua carità e la potenza del suo amore, per intercessione di sant’Antonio, ci permetta di vivere i nostri tempi di fragilità come tempo di missione.

+ Claudio Cipolla, vescovo di Padova

Stefano Callegaro

Leggi di più

Coro Giovani alla festa della musica

Lunedì 21 giugno, presso il giardino del centro sociale parrocchiale Tarcisio Peraro, il Coro Giovani si esibirà assieme ad altri cori del vicariato in occasione della "Festa della Musica" che si celebra il giorno medesimo.

La serata inizierà alle ore 20:45 e, oltre alla presenza del Coro Giovani vedrà la presenza di

  • Coro Liturgia Rock (Conselve)
  • Coro Jubilate (Conselve)
  • Corale San Lorenzo (Conselve)
  • Coro San Michele (Candiana)
  • Corale Sant'Andrea (Anguillara Veneta)

In caso di maltempo la serata si sposterà nel duomo di Conselve.

In allegato la locandina

Stefano Callegaro

Leggi di più

Tesseramento "Noi"

Sono aperte le iscrizioni al circolo "Noi" per poter frequentare e usufruire dei servizi del patronato.

Sarà possibile portare il modulo d'iscrizione e la quota al termine delle Sante Messe di tutti i sabati e le domeniche di giugno.

Il modulo lo si può trovare in chiesa o è possibile scaricarlo in fondo a questa pagina. La quota di iscrizione è di 4€ per i minorenni e di 6€ per i maggiorenni.

Al termine del tesseramento verrà convocata l’assemblea degli iscritti per costituire il direttivo dell'associazione.

Perchè tesserarsi al Noi?

  • mi tessero perché CREDO faccia BENE a tutta la comunità avere un luogo accogliente e di riferimento per ogni età che permetta di stare insieme, divertirsi, riflettere, imparare, educare, scambiarsi opinioni, idee ...
  • gestire uno spaccio bar (per i soci)
  • accedere a bandi promossi da enti pubblici e privati per ricevere fondi a sostegno di iniziative e progetti
  • rapportarsi più facilmente con le istituzioni
  • usufruire di specifiche scontistiche su diversificate categorie merceologiche di fornitura o ingressi in luoghi d’interesse (disponibili in allegato)
  • poter svolgere attività assistenziali riconosciute

Con la tessera NOI si gode automaticamente di un’assicurazione nominale che copre il socio durante l’attività associativa ordinaria in centro parrocchiale e le relative iniziative che si svolgono anche al di fuori del circolo.

Stefano Callegaro

Leggi di più